AVVISO AI NAVIGANTI...: SIAMO ALLA RICERCA DI NOTIZIE DI QUESTI ILLUSTRATORI DI LIBRI PER L'INFANZIA ANNI '50-'60 : MARIAPIA FRANZONI TOMBA; BRUNO TOMBA; ANNA FRANZONI; ITALO ORSI; ROSELLA BANZI MONTI. CHIUNQUE PUO' AIUTARCI NELLA RICERCA DI NOTIZIE(anche la più piccola) PUO' INSERIRE UN COMMENTO IN QUALSIASI POST.

domenica 17 giugno 2012

MISTERO - La corriera

Questo racconto, che scrivo immeditamente dopo al precedente, ha poco a che fare col mistero, ma è tanto divertente che lo posto. A me suona un poco di barzelletta ma  da mia mamma mi ha assicurato che fu un fatto realmente accaduto. Un uomo stava aspettando la corriera per andare in un paese vicino. Quando questa giunge è piena di gente.L'autista allora gli dice che se vuole può salire sulla tettoia della corriera. Vista l'urgenza del suo impegno nel vicino paese accetta. Sulla tettoia c'è una cassa da morto, fortunatamente vuota. Inizia a piovere. Il pover'uomo decide allora di ripararsi dentro a questa cassa. La corriera prosegue e raggiunge un'altra fermata. Due uomini devono per forza recarsi in un'altro paese e l'autista dice loro: .- Se volete salite sopra la tettoia a far compagnia quell'altro. I due salgono. Vedendo la cassa da morto si posizionano uno da una parte e uno dall'altra di essa e cominciano a pregare per "il povero morto". Ad un certo punto uno dei due uomini dice: - Che orribile viaggio, meno male che almeno ha smesso di piovere! E da dentro si sente una voce che dice: - Meno male, allora posso uscire anch'io!!  L'epilogo della storia è stato che i due uomini, spaventati si sono lanciati giù dalla corriera, provocandosi numerose fratture.

2 commenti:

  1. Questi tipi di racconti riportati a memoria il più delle volte vengono un po' ingigantiti dall'immaginazione, ma può darsi che qualcosa di vero ci sia stato.
    Questo in particolare come dici pure tu sembra proprio una barzelletta....
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Mio suocero Oscar lo racconta tale e quale da 50 anni: Lui aveva una piccola ditta di autobus in Abruzzo. Forse era una barzelletta dell'epoca....

    RispondiElimina