AVVISO AI NAVIGANTI...: SIAMO ALLA RICERCA DI NOTIZIE DI QUESTI ILLUSTRATORI DI LIBRI PER L'INFANZIA ANNI '50-'60 : MARIAPIA FRANZONI TOMBA; BRUNO TOMBA; ANNA FRANZONI; ITALO ORSI; ROSELLA BANZI MONTI. CHIUNQUE PUO' AIUTARCI NELLA RICERCA DI NOTIZIE(anche la più piccola) PUO' INSERIRE UN COMMENTO IN QUALSIASI POST.

giovedì 30 gennaio 2014

NEVE -ATTESA INVANA

Neve.. neve.. neve!!!!
Era attesa ma non è arrivata.... Scende l'odiosa pioggia ....






  Che dice la fata del Gelo
da nuvola a nuvola lieve
schiudendo l'usciolo del cielo
ai molti fiocchini di neve?

L'Inverno vi chiama Fiocchetti.
E' il vostro momento. Partite!
I rami degli alberi, i tetti,
le cime dei monti coprite.

Felici essi prendono il volo.
Nel turbine bianco, giocondo,
volteggiano, cadono al suolo
e pare... di zucchero il mondo!


 Nel bosco, per gli ampi declivi,
sugli aghi sottili dei pini,
parlando tra loro giulivi
discendono i bei fiocchettini.

Ricordi la gaia Sorgente
nell'angolo ombroso tranquillo?
Or muto sarà certamente
quel suo chiacchierino zampillo!

Oh eccola!  Eccola qui!
E' tutta ghiacciata e scoperta.
Chissà come ha freddo così!
Facciamole noi la coperta!


 
  La neve! Che bella sorpresa!
esclama con grande allegria
la bimba che sulla discesa
sciando e cantando s'avvia.

La incontrano i piccoli fiocchi
cadendo dall'alto giocondi.
Le entran, per burla, negli occhi.
Le baciano i riccioli biondi.

Lei sente un solletico lieve
sfiorarle l'orecchio ed il viso...
Lo sa ch'è un fiocchetto di neve
e atteggia le labbra a un sorriso.


   Cip... Cip... I fiocchetti hanno udito
un esile fioco lamento:
Sarà un uccellino smarrito
che soffre nel gelo, nel vento!

Oh eccolo! E' assiderato!
Soccorso cercare dobbiamo!
Chi soffre non va abbandonato!
Laggiù c'è una casa. Bussiamo!

C'è qui un uccellino svenuto
con zampe ed aluccestecchite!
Coniglia vuoi dargli il tuo aiuto?
Ma certo, è un dovere!  Venite!



Permesso? Permesso? Si può?

E' tempo di mettervi a letto!

L'orsetto sorride:  Lo so!

Ti stavo aspettando, Fiocchetto!



Ciao, Bruco. Anche a te buonasera!

Di scorte ne avete mi pare.

Finchè torna in ciel Primavera

qui al caldo potete restare.



Soltanto l'arzillo Ermellino

non teme del freddo i rigori.

Si cambia il suo bel mantellino

e insieme hai fiocchetti va fuori.


 
Oh, guarda!  Laggiù c'è un bambino

che dorme... Ed accanto al suo letto

c'è vedi?,  anche un piccolo pino

Domani è Natale, Fiocchetto!



Natale?  Gioiscono i fiocchi.

Ma, allora, stanotte è Vigilia!

Quel bimbo avrà chicche e balocchi.

Natale che gran meraviglia!



Fiocchetti, fermiamoci qua.

E' un posto bellissimo e quieto.

Stanotte Gesù passerà...
 FacciamoGli un bianco tappeto.




 

 Parlando rammentan la notte, 
 la notte del mondo più bella...
 Dal cielo discesero a frotte
 attratti al fulgor d'una stella...

e giunti a una spoglia capanna
non vollero muoversi più:
tra canti lontani d'osanna
nasceva il Bambino Gesù.

I fiocchi eran fuori a guardare
seduti per terra o su un pino:
nessuno di lor volle entrare
per non dare freddo al Bambino.


Ormai Primavera è alle soglie.

Il sole già caldo compare.

Un primo fiocchetto si scioglie.

Qui cari è prudente scappare!



La nube più grande si spezza.

Si tinge d'azzurro il bel cielo.

Si leva una tiepida brezza...

Comincia, comincia il disgelo!



Arrivan tre vispe fatine

che fanno nel ciel pulizia:

L'Inverno s'appressa alla fine.

Via, via, Fiocchettini!  Via! Via



E poi Primavera compare
in festa di sole e colori
spargendo al suo dolce passare
profumi gentili di fiori.

Oh bei Fiocchettini, perchè
io arrivo e voi siete qui ancora?
L'Inverno finisce con me.
Partite Fiocchetti, ch'è ora!

E i fiocchi, valigia alla mano,
baciati da un raggio di sole,
dileguano tutti pian piano,
spariscono senza parole.



martedì 14 gennaio 2014

MAURIZIO COSTANZO SHOW


Maurizio Costanzo dal 1982 al 2009 presentò il talk show, più lungo nel tempo e che ebbe notevole successo. La prima puntata fu trasmessa il 14 settembre del 1982 dal Teatro Parioli di Roma su Retequattro. Dal 24 gennaio 1986 il programma si spostò su Canale 5 e venne trasmesso in seconda serata dal lunedì al venerdi . Dal 2004 diminuirono le puntate riducendosi a tre settimanali, per poi diminuire a due. L'ultima puntata dello spettacolo andò in onda mercoledì 9 dicembre del 2009 in seconda serata.
L'accompagnamento musicale fu affidato per molti anni a Franco Bracardi, sostituito poi, dopo un periodo di convivenza sullo stesso palco, da Demo Morselli e dalla sua band. Dal 2008 il maestro Pino Perris ricoprì il ruolo che fu di Bracardi.
Vennero fatte puntate speciali tra tutte: il caso di Cogne il 16 luglio 2002 e il 5 novembre 1991 la puntata fu dedicata al risorgente fenomeno europeo del neonazismo-
Tanti vip salirono sul palco del Parioli: Aldo Fabrizi, la sora Lella, Paola Borboni, Ronn Moss e numerosi altri.
Ma venivano anche raccontate storie di vita quotidiana: ora mi viene in mente il padre di un disabile che giornalmente doveva portare il figlio sulle spalle alla fermata del pullman e personaggi che mi sono rimasti nel cuore su tutti  
Isabella Ceola
Isabella Ceola, una ragazza malata di progenia (senilità precoce) che nonostante tutto conduceva una normale vita, con le sue amicizie e i divertimenti. Era iscritta al terzo anno di sociologia, e aveva cominciato a studiare teatro, che ha interronto per il peggioramento della sua malattia. Frequentava l'Asa, l' associazione di lotta all' Aids fondata dal giornalista Stefano Marcoaldi, anch' egli spesso ospite, sieropositivo, deceduto poi nel 1993. Isabella nacque a Bologna e morì il 19 marzo1997 a 28 anni. E poi ancora Nik Novecento, scoperto da Pupi Avanti facendo i provini di "Una gita scolastica" . Partecipò al "Maurizio Costanzo Show" come opinionista comico. Morì improvvisamente a 23 anni per una malformazione cardiaca. Ricordo che trasmisero per qualche giorno le puntate preregistrate con la sua presenza. Se fosse sopravvissuto certamente avrebbe avuto successo per la sua semplicità, la sua simpatia e la sua modestia.  
Teodora Stefanova, bulgara, dopo essere stata in coma, scoprì di avere nel suo corpo una presenza aliena proveniente dal pianeta Vanfim , di nome Unilsan. Al Costanzo Show faceva previsioni agli ospiti. Mi sembra di ricordare che predisse a Stefano Zecchi (allora mi pare contrario al matrimonio) che si sarebbe sposato e avrebbe avuto un figlio. Mi sembra che così è.

In tema di UFO e paranormale c’era un ospite friulano, Valentino Compassi, studioso di Scienze remote e misteriose e Maestro in dottrine mistiche segrete, in particolar modo tibetane. Nel periodo 1983-1985 fu campione nel programma “Superflash” e dal 1989 ospite da Costanzo.

Sonia Cassiani sedeva frequentemente sui divani del Parioli ed era anch’essa opinionista, un poco litigiosa, talvolta maleducata e decantava la propria verginità. Di lei si sono perse le tracce. Hanno fatto strada invece i due fratelli Schittino, piccoli geni siciliani: Joe ora è un affermato musicista, mentre la sorella Jennifer una brava cantante lirica.


Jennifer e Joe Schittino
Sonia Cassiani













Un altro personaggio fu Alessandro Golinelli scrittore, agli inizi degli anni ’90, fu il primo omosessuale a fare coming out in tv. Autore e polemista, con lui l’audience era garantita.

Teodora Stefanova
















Altri personaggi devono la loro fortuna alle apparizioni in questo programma tra cui Enrico Brignano, Gioele Dix, Giobbe Covatta, Enzo Iacchetti, Dario Vergassola, Stefano Nosei, David Riondino, Claudio Bisio, Daniele Luttazzi, Alessandro Bergonzoni, Gianni Fantoni, Marco Carena, Valerio Mastandrea, Ricky Memphis, Walter Nudo, Platinette, Giampiero Mughini, Vittorio Sgarbi, Willy Pasini.

venerdì 10 gennaio 2014

LORELLA DE LUCA



L'attrice fiorentina, Lorella De Luca, nata a Firenze il 17 settembre 1940, è morta ieri dopo lunga malattia.
Iniziò la sua carriera nel 1955 nel film Il bidone con  la regia di Federico Fellini.  Nel 1957 con Mario Monicelli interpretò Padri e figli. Nei succesivi tre anni girò 23 film, sino a Poveri ma belli diretto da Dino Risi con il quale girò anche il seguito Belle ma povere e Poveri milionari, interpretando il ruolo di Marisa la devota e paziente fidanzata dello scavezzacollo Salvatore. (Renato Salvatori).
Nel 1958 fu valletta di Mario Riva nel programma il Musichiere.
Nel 1965 incontrò Duccio Tessari che divenne suo marito nel 1971 e dal quale ebbe due figlie, Federica e Fiorenza.

Girò dei film con la regia del marito usando lo pseudonimo di Hally Hammond (Una pistola per Ringo, Il ritorno di Ringo)
Dopo venticinque anni di assenza interpretò il suo ultimo  Bonus Malus con Claudio Bisio, Leonardo Pieraccioni e Massimo Ceccherini.
Nel 1994, Duccio Tessari morì dello stesso male che fu diagnosticato anche  a Lorella De Luca: un tumore al cervello che con l'intervento sembrava risolto. Si ripresentò nel 2010 rendendola cieca.

Di questa bella attrice mi resta il ricordo della sua bellezza acqua e sapone, della sua bravura nel recitare e della sua semplicità. Forse le nuove attrici di oggi dovrebbero prenderne esempio.



con Renato Salvatori

R. Salvatori- L. De Luca- A. Panaro- M. Arena
con Alessandra Panaro al Musichiere con Mario Riva


DUCCIO TESSARI E LORELLA DI LUCA - 
QUESTA IMMAGINE HA IL COPYRIGHT: 
SE NON POTESSE ESSERE STATA  PUBBLICATA VERRA' RIMOSSA


Qui potete leggere una intervista all'attrice fatta al giornalista Di Lucio Giordano, nell'aprile 2013.http://luciogiordano.wordpress.com/2013/04/30/lorella-de-luca-la-povera-ma-bella-del-film-di-culto-e-diventata-cieca/

lunedì 6 gennaio 2014

IL RIEPILOGO DELLE FESTE

Quest'anno (è stato inevitabile) le feste a casa mia sono state quelle che sono state:  un poco di serenità, a momenti molta malinconia. Generalmente non facciamo grandi cose in questo periodo di festa (a conti fatti siamo solo in tre, massimo in quattro quando c'è mia figlia) non avendo, appunto una numerosa famiglia che tiene allegria e soprattutto non ci sono bambini con cui condividere gioia e sorprese (la nostra nipotina è lontana)...
Ci sarebbe rimasta la televisione che quest'anno non ha offerto granchè come spettacoli sia le reti Rai che la Mediaset. Sempre i soliti film fatti e rifatti. Mi aspettavo che facessero almeno i classici di Natale, ma forse sono troppo passati e troppo vecchi per i nostri tempi. Nei nostri film i bambini o erano angeli (Il Maestro), oppure storie di Natale con paesaggi di neve meravigliosi e trame straordinarie (Racconto di Natale, Sette spose per sette fratelli, La vita è meravigliosa, - solo per citarne alcuni). Ora nei film i bambini chiedono la riconciliazione di mamma e papà, mamme separate che incontrano l'anima gemella proprio a Natale, Babbe Natale invece che Babbi Natali. Storie di tutti i giorni che hanno come co-protagonista un uomo vestito di rosso.
Anche se noi siamo adulti ed abbiamo tutta la serata per vedere le solite solfe, a Natale la TV avrebbe dovuto essere interamente dedicata ai bambini, perchè il Natale è la loro festa magica, noi purtroppo la magia ce la siamo lasciata alle spalle. Ormai gli adulti hanno altri interessi. Anche il fare l'albero e presepe è soltanto una tradizione.
Nella maggior parte sono tutti uguali. Mia mamma mi raccontava che il suo albero aveva mandarini e noci rivestiti con la stagnola. Ora noi abbiamo gli addobbi più belli e sofisticati, ma mi piacciono poco anche gli alberi. Anche il mio quest'anno è striminzito.. Dove sono i begli alberi, presepi l'atmosfera natalizia di un tempo? Dove sono i cartoni animati, le scenette di Stanlio e Ollio? Appartengono al passato che ogni tanto bisognerebbe rispolverare e
farlo rivivere in questo presente brutto e frenetico. Ho trovato una vecchia fotografia, a tavola un Natale lontano. Mi è venuta malinconia.... Tra pochi giorni via tutto, alberi presepi e addobbi e poi iniziamo a fare il conto alla rovescia sperando che il prossimo Natale sia migliore!!!








mercoledì 1 gennaio 2014

POESIA AL NUOVO ANNO



I MESI DELL'ANNO



Gennaio mette ai monti la parrucca,
Febbraio grandi e piccoli imbacucca;
Marzo libera il sol di prigionia,
April di bei color gli orna la via;
Maggio vive tra musiche d'uccelli,
Giugno ama i frutti appesi ai ramoscelli;
Luglio falcia le messi al solleone,
Agosto, avaro, ansando le ripone;
Settembre i dolci grappoli arrubina,
Ottobre di vendemmia empie le tina;
Novembre ammucchia aride foglie in terra,
Dicembre ammazza l'anno, e lo sotterra.

                                                 (A. S. Novaro)