AVVISO AI NAVIGANTI...: SIAMO ALLA RICERCA DI NOTIZIE DI QUESTI ILLUSTRATORI DI LIBRI PER L'INFANZIA ANNI '50-'60 : MARIAPIA FRANZONI TOMBA; BRUNO TOMBA; ANNA FRANZONI; ITALO ORSI; ROSELLA BANZI MONTI. CHIUNQUE PUO' AIUTARCI NELLA RICERCA DI NOTIZIE(anche la più piccola) PUO' INSERIRE UN COMMENTO IN QUALSIASI POST.

venerdì 8 dicembre 2017

IMMACOLATA CONCEZIONE


"Il mistero dell'Immacolata Concezione è fonte di luce interiore, di speranza e di conforto. In mezzo alle prove della vita e specialmente alle contraddizioni che l'uomo sperimenta dentro di sé e intorno a sé, Maria, Madre di Cristo, ci dice che la Grazia è più grande del peccato, che la misericordia di Dio è più potente del male e sa trasformarlo in bene."
(Papa Benedetto XVI)



L'Immacolata Concezione è un dogma cattolico, proclamato da papa Pio IX l'8 dicembre 1854 con la bolla Ineffabilis Deus, che sancisce come la Vergine Maria sia stata preservata immune dal peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento.
Tale dogma non va confuso con il concepimento verginale di Gesù da parte di Maria, con cui non ha niente a che fare. Il dogma dell'Immacolata Concezione riguarda invece il peccato originale: per la chiesa Cattolica infatti ogni essere umano nasce con il peccato originale e solo la Madre di Cristo ne fu esente.
La Chiesa cattolica celebra la solennità dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria l'8 dicembre. Nella devozione cattolica l'Immacolata è collegata con le apparizioni di Lourdes (1858) e iconograficamente con le precedenti apparizioni di Rue du Bac a Parigi (1830).
Attorno alla festa dell’Immacolata Concezione ci però anche molte tradizioni sia in Italia sia all’estero. Tante hanno una matrice che rimanda al mondo contadino, agreste, medievale o persino pagano ed in molte parti d’Italia assume particolari connotati. 
Così, se a Milano si fonde con la festa di Sant’Ambrogio, a Verbicaro, in provincia di Cosenza, viene celebrata la ricorrenza attraverso la convivialità, come suggerisce il suo nome locale “Perciavutta”, letteralmente ‘aprire la botte’. Nel corso della giornata, si assaggia il vino nuovo che, per tradizione, viene degustando con ‘grespelle’ ripiene di alici salate, peperoni secchi e cavolfiore portate in dono da amici e vicini di casa.
A Putignano, in provincia di Bari, le celebrazioni per l’Immacolata durano nove giorni gremiti di appuntamenti di preghiera e processioni. Tra il 29 novembre e il 7 dicembre vengono eseguiti particolarissimi canti e, l’8 dicembre, dodici membri di associazioni locali depongono ai piedi della statua della Madonna delle corone di fiori, rigorosamente bianchi.
In molte zone rurali della penisola, c’è la tradizione, che deriva dal mondo contadino, dei falò. La festa nel passato aveva una forte dimensione collettiva ed era legata al carattere purificatore del fuoco il quale, oltre a riscaldare la Madonna nel passaggio verso Betlemme, allontanava le forze del male, soprattutto in un periodo dell’anno cruciale per la semina dei campi.
Uno dei luoghi suggestivi nei quali si perpetra questa tradizione antica è Castellamare di Stabia, in provincia di Napoli.
Ed ancora, la festa dell’Immacolata Concezione apre ufficialmente il periodo natalizio, così, molti, in questa giornata si dedicano all’allestimento dell’albero di Natale ed alla decorazione delle abitazioni con addobbi natalizi.

Testo copiato ed incollato da Wiki e da un'altro sito.

mercoledì 6 dicembre 2017

SAN NICOLA

San Nicola di Bari, conosciuto anche come san Nicola di Myra, san Nicola dei Lorenesi, san Nicola Magno, san Niccolò e san Nicolò, nacque a Patara di Licia il 15 marzo 270 da Epifanio e Giovanna che erano greci cristiani e benestanti. Cresciuto in un ambiente di fede cristiana, perse, secondo le fonti più diffuse, prematuramente i genitori a causa della peste. Divenne così erede di un ricco patrimonio che distribuì tra i poveri e perciò ricordato come grande benefattore.
In seguito lasciò la sua città natale e si trasferì a Myra dove venne ordinato sacerdote. Fu poi nominato Vescovo di Myra (Dremre), in Turchia.    Nel 305 fu imprigionato ed esiliato durante la persecuzione di Diocleziano, fu poi liberato da Costantino nel 313 e riprese l'attività apostolica.
Morì a Myra il 6 dicembre 343. San Nicola divenne già nel Medioevo uno dei santi più popolari, venerato si dai Cristiani che dagli Ortodossi, e fu protagonista di molte leggende riguardanti miracoli a favore di poveri e defraudati.
Si narra che Nicola, venuto a conoscenza di un ricco uomo decaduto che voleva avviare le sue tre figlie alla prostituzione perché non poteva farle maritare decorosamente, abbia preso una buona quantità di denaro, lo abbia avvolto in un panno e, di notte, l'abbia gettato nella casa dell'uomo in tre notti consecutive, in modo che le tre figlie avessero la dote per il matrimonio.
Un'altra leggenda narra che Nicola, già vescovo, resuscitò tre bambini che un macellaio malvagio aveva ucciso e messo sotto sale per venderne la carne.
Per questi episodi san Nicola è ritenuto un santo benefattore e protettore, specialmente dei bambini.
Le sue reliquiesino al 1087 rimasero a Myra. Quando Myra cadde in mano musulmana, Bari e Venezia, che erano dirette rivali nei traffici marittimi con l'Oriente, entrarono in competizione per il trasferimento in Occidente delle reliquie del santo. Una spedizione barese di 62 marinai, si impadronì di circa metà dello scheletro di Nicola, che giunse a Bari il 8 maggio 1087. Il resto (circa la metà dello scheletro) fu lasciato sul posto, e i Veneziani che non si erano rassegnati all'incursione dei Baresi, durante la prima crociata, approdarono a Myra, e rinvennero una gran quantità di minuti frammenti ossei che i baresi non avevano potuto prelevare. Questi vennero trasportati nell'abbazia di San Nicolò del Lido.
San Nicolò venne quindi proclamato protettore della flotta della Serenissima e la chiesa divenne un importante luogo di culto. Una ricognizione effettuata il 17 settembre del 1992, ad opera del prof. Luigi Martino, docente di anatomia umana e norma all'Università di Bari, ha appurato che le reliquie sono effettivamente divise fra le due città: Bari possiede i frammenti ossei di maggiori dimensioni, mentre Venezia i frammenti più minuti (circa la metà dello scheletro), e che questi ultimi sono "complementari con le ossa conservate a Bari".

SAN NICOLA COME BABBO NATALE 
Per molti secoli il culto di san Nicola – e la tradizione di fare regali ai bambini - si continuò a celebrare il 6 dicembre, come avviene tuttora in diverse zone dell’Italia del Nord e dell'arco alpino, fino in Germania. Col tempo al santo vennero attribuite alcune caratteristiche tipiche di divinità pagane preesistenti, come il romano Saturno o il nordico Odino.
La  Riforma protestante, a partire dal Cinquecento, abolì il culto dei santi in gran parte dell’Europa del Nord.  A chi far portare i doni ai bambini? Così gli fu spesso affiancato un aiutante più forzuto, in grado anche di mettere paura e nacquero,  nel mondo germanico alcune figure a metà tra il folletto e il demone. Alcune, come i Krampus, servono da aiutanti dello stesso san Nicola; in altre il ricordo del santo sopravvive nel nome, come Ru-klaus (Nicola il Rozzo), Aschenklas (Nicola di cenere) o Pelznickel (Nicola il Peloso). Erano loro a garantire che i bambini facessero i buoni, minacciando punizioni come frustate o rapimenti. Per quanto possa sembrare strano, anche da questi personaggi nasce la figura dell’allegro vecchietto in slitta.
Gli immigrati nordeuropei portarono con sé queste leggende quando fondarono le prime colonie nel Nuovo Mondo. Quelli olandesi, rimasti affezionati a san Nicola, diffusero il suo nome, "Sinterklaas"
Ma nell’America delle origini il Natale era molto diverso da come lo consideriamo oggi. Nel puritano New England era del tutto snobbato, mentre altrove era diventato una specie di festa pagana dedicata soprattutto al massiccio consumo di alcol.
Poi, nei primi decenni dell’Ottocento, diversi poeti e scrittori cominciarono a impegnarsi per trasformare il Natale in una festa di famiglia, recuperando anche la leggenda di san Nicola. Già in un libro del 1809, Washington Irving immaginò un Nicola che passava sui tetti con il suo carro volante portando regali ai bambini buoni; poi fu la volta di un libretto anonimo in versi, The Children’s Friend, con la prima vera apparizione di Santa Claus, associato al Natale ma privato di qualsiasi caratteristica religiosa, e vestito nelle pellicce tipiche dei buffi portatori di doni germanici. Questo Santa porta doni ma infligge anche punizioni ai bambini cattivi, e il suo carro è trainato da una sola renna.
Le renne diventano otto e il carro diventa una slitta nella poesia A Visit From St. Nicholas, scritta nel 1822 da Clement Clark Moore per i suoi figli.  Per molti decenni Santa Claus viene rappresentato con varie fattezze e con vestiti di varie forme e colori. Solo verso la fine del secolo, grazie soprattutto alle illustrazioni di Thomas Nast, grande disegnatore e vignettista politico, si impone la versione che cinischiami: un adulto corpulento, vestito di rosso con i bordi di pelliccia bianca, che parte dal Polo Nord con la sua slitta trainata da renne e sta attento a come si comportano i bambini.
Una volta standardizzata (grazie anche alle pubblicità della Coca-Cola) la figura di Santa Claus torna in Europa in una sorta di migrazione inversa, adottando nomi come Père Noel, Father Christmas o Babbo Natale e sostituendo un po’ ovunque i vecchi portatori di doni.
Naturalmente, c'è anche chi nel Babbo Natale di origine yankee vede nient'altro che il simbolo della deriva consumista del Natale. Altri lo rifiutano o lo snobbano semplicemente in nome della tradizione, come i non pochi italiani ancora affezionati a santa Lucia, alla Befana o al vecchio, originale san Nicola.

Cartoline 























Testo ed immagini dal web.

venerdì 1 dicembre 2017

CALENDARIO AVVENTO

La parola avvento deriva dal latino "adventus" e significa "venuta" anche se, nell'accezione più diffusa, viene indicato come "attesa".
Nella liturgia cattolica con questo termine si indicano le quattro domeniche che precedono la celebrazione della nascita di Gesù Cristo.
 Per i bambini, ma che piace molto anche agli adulti, c'è un'altro modo per scandire il tempo che manca al Natale: il calendario dell'avvento.
La sua origine risale da una mamma che stanca della domanda del figlio su quanti giorni mancavavano al Natale, pensò di confezionare 24 sacchettini con dei biscotti e disse al suo bambino che gliene  avrebbe dato uno al giorno a partire dal primo giorno di dicembre e che una volta terminati significava che il Natale era arrivato.
Una volta diventato adulto il piccolo Gherard Lang sviluppò quella idea.  Stampò il primo calendario dell’avvento (1903), per il Calendario natalizio di Monaco.
Dalla Germania l’usanza si è spostata presto verso sud fino a raggiungere rapidamente anche il nostro Paese. Dopo un declino di questo calendario a causa delle guerre mondiali, oggi la Germania resta la principale esportatrice di calendari dell’avvento.
Oggi esistono molti tipi di calendario dell’Avvento: si va da quelli che sotto ogni casella celano un versetto del Vangelo, a quelli che nascondono piccoli regali o altre piccole immagini.
Molti illustratori hanno creato questi bellissimi calendari, di alcuni si riconosce la firma altri sono illustratori ignoti ma sempre calendari pieni di fascino.








Negli ultimi anni del Mercatino di Natale di Bolzano la società Alto Adige Marketing ha trasformato il palazzo della propria sede in un gigantesco calendario dell'avvento: ogni finestra rappresenta un giorno dal primo al 24 dicembre.



domenica 19 novembre 2017

CARTOLINE 11-2017

Acquisti di ieri. Datate, alcune firmate altre no.
Sicuramente la maggior parte già viste.

1922

1929

1929

1930

1936 - M. Cenci Soffiantini

1938 - A. Bertiglia

1949

1949

1950 - G. Galbiati

1950

1950

1952 - Fanny

1952

1953

1953 (?)

1953

1954

1954

1955 - G. Tarantino

1955 - G. Galbiati

1956
 Senza data

firmata V.C.



Cartoline non viaggiate senza firma.