AVVISO AI NAVIGANTI...: SIAMO ALLA RICERCA DI NOTIZIE DI QUESTI ILLUSTRATORI DI LIBRI PER L'INFANZIA ANNI '50-'60 : MARIAPIA FRANZONI TOMBA; BRUNO TOMBA; ANNA FRANZONI; ITALO ORSI; ROSELLA BANZI MONTI. CHIUNQUE PUO' AIUTARCI NELLA RICERCA DI NOTIZIE(anche la più piccola) PUO' INSERIRE UN COMMENTO IN QUALSIASI POST.

giovedì 29 novembre 2012

Canzoni Natalizie - ADESTE FIDELIS



Non è noto l'autore del canto Natalizio Adeste Fidelis si conosce soltalto il nome di chi l'ha trascritta: sir John Francis Wade che lo avrebbe copiato da un tema popolare irlandese nel 1743/1744.
Originariamente il testo era composto da otto strofe di cui si conoscono solo le prime quattro.
Nel testo originale la I, laV, la VI e la VII furono trascritte da Wale.
La II, la III, e la IV furono composte da Etienne-Jean François Borderies (1794) mente la VIII da un anonimo.


Pur essendo stata una schiappa in latino, questa canzone mi piace sentirla in questa lingua e pur non amando la musica lirica la preferisco cantata dai grandi tipo Boccelli, Pavarotti ecc...
Ecco i link per youtube
Cantata da Boccelli  http://www.youtube.com/watch?v=qoHXVp54Ze8
da Pavarotti http://www.youtube.com/watch?v=aI7Hi147-Xg
da un Concerto di Natale a Madrid http://www.youtube.com/watch?v=Kz13ufATook  
e la versione del Piccolo Coro dell'Antoniano http://www.youtube.com/watch?v=Xmx7ChQZpws 
e qui mi fermo altrimenti le metterei tutte!









martedì 27 novembre 2012

A Donatella.....

In questo giorno speciale, Memmo ed io,  ti auguriamo tanta serenità.





lunedì 26 novembre 2012

Poesia di Natale - E' NATO! ALLELUJA!

Questa è  una poesia che mia figlia ha imparato il primo anno d'asilo.
Mi sembrava un poco diifficile per quell'età, ma l'ha saputa recitare bene.
Poi, chissà perchè, dalle elementari fino alle superiori  di poesie ne ha studiati pochissime, forse nessuna...
Beati i tempi che ne studiavamo noi una al mese!!

Illustrazione di Rose Noel
E' NATO! ALLELUJA! di G. Gozzano

E’ nato il sovrano bambino,
è nato! Alleluia, alleluia!
La notte che già fu sì buia
risplende di un astro divino.
Orsù, cornamuse, più gaie
suonate! Squillate, campane!
Venite, pastori e massaie,
o genti vicine e lontane!
Non sete, non molli tappeti,
ma come nei libri hanno detto
da quattromill’anni i profeti,
un poco di paglia ha per letto.
Da quattromill’anni s’attese
a quest’ora su tutte le ore.
E’ nato, è nato il Signore!
E’ nato nel nostro paese.
Risplende d’un astro divino
la notte che già fu sì buia.
E’ nato il Sovrano Bambino,
è nato! Alleluia, alleluia!

domenica 25 novembre 2012

PIANTE DI NATALE

Tra tutte le piante di questo periodo, il più importante di tutti è l'abete.
Ed è questo, o il suo surrogato in plastica, che noi decoriamo con luci,  palline e festoni che ci rendono allegra la casa.
L'abete, secondo una leggenda , viveva già nell'Eden ed era considerato l'albero della vita.
Qualdo Eva colse il frutto proibito, le foglie appassirono e divennero aghi. L'abete non germogliò più, sino alla Notte di Natale, quando nacque Gesù.
Per molto tempo è stato il simbolo pagano di questa festa, ma dal 1982,  su desiderio di Papa Giovanni Paolo II, venne eretto in Piazza S. Pietro.

Abete rosso
 Il ginepro, albero considerato sacro, è di buon augurio messo negli ingressi di casa.

Bacche di ginepro
L'agrifoglio, il vischio e il pungitopo vengono usati per fare decorazioni sulle tavole, o come abbellimento nelle confezioni dei regali.

L'agrifoglio è simbolo di fortuna e di abbondanza.
Porta fortuna baciarsi sotto al Vischio la notte di Capodanno.
Pungitopo
La leggenda della Stella di Natale racconta di un bimbo molto povero che volendo fare un dono al Bambinio Gesù, portò in una Chiesa dei ramoscelli verdi. Pensando  al suo misero dono pianse e le lacrime, per miracolo diedero vita a questa bellissima pianta.

Stella di Natale
La leggenda dell'Elleboro (o Rosa di Natale) parla di una pastorella tanto povera. Voleva portare un dono al Bambin Gesù ma non aveva nulla. Un Angelo, vide la sua sofferenza e si  impietosì. Le indicò un fiore, appena nato sotto la neve.  Lo raccolse e ne fece dono al piccolo Bambino.
Rosa di Natale
La Stella Alpina, secondo la leggenda, fu la Stella che guido i Re Magi. Quando terminò il suo compito un Angelo le chiese cose volesse fare: se tornare in cielo o restare sulla terra. La piccola Stella  innamoratasi delle maestose vette delle montagne scelse di vivere lì: sulla terra ma un poco vicina al cielo.

Stella Alpina
Queste piante di notevole bellezza, sono però nocive, soprattutto per i gatti,  in particolar modo la stella di Natale, il vischio, e le bacchedell'agrifoglio.

PAPA GIOVANNI XXIII

Papa Giovanni XXIII, (Angelo Roncalli), fu il Papa tanto amato da mia nonna. Io non l'ho "vissuto" ero troppo piccola ma attraverso le tante immagini ho imparato a conoscerlo un poco ed amarlo tantissimo.Per la sua dolcezza e fu chiamato il Papa Buono.
 Nacque a Sotto il Monte (BG), il 25 novembre 1881 da una famiglia di orgini umili.
Grazie all'aiuto di uno zio frequentò il Seminario minore di Bergamo, dove ottenne una borsa di studio e si trasferì al Seminario dell'Apollinare di Roma. Compketò gli studio e fu ordinato prete, nel 1904,  nella Chiesa di Santa Maria in Montesanto, in Piazza del Popolo.
 Fu segretario personale del Cardinal  Giacomo Radini Tedeschi dal 1905 fino alla morte di quest'ultimo
Divenne Monsignore nel 1921, e nel 1925, papa Pio XI lo nominò Visitatore Apostolico in Bulgaria.
Nel 1934 fu ordinato Arcivescovo titolare di Meserbia, in Bulgaria e amministratore apostolico di Instabul.
Nel 1944, Papa Pio XII lo nominò Nunzio Apostolico a Parigi e nel 1953 fu ordinato Cardinale e Patriarca di Venezia.
Alla morte di Papa Pio XII fu eletto Papa il 28 ottobre 1958: l'incoronazione avvenne il 4 Novembre dello stesso anno.
Papa Giovanni XXIII fu un Papa semplice, ma che portò tantri cambiamenti e fu il primo che cercò il  contatto con il popolo.
 Nel Natale del '58 visitò i bambini ricoverati nell'Ospedale Bambin Gesù di Roma, dove alcuni di loro lo scambiarono per Babbo Natale... Il giorno successivo visitò il carcere di Regina Coeli dove disse ai carcerati:
Papa Giovanni e i carcerati

«Non potete venire da me, così io vengo da voi...Dunque eccomi qua, sono venuto, m'avete visto; io ho fissato i miei occhi nei vostri, ho messo il cuor mio vicino al vostro cuore..la prima lettera che scriverete a casa deve portare la notizia che il papa è stato da voi e si impegna a pregare per i vostri familiari»
Ospedale Bambin Gesù - Papa Giovanni e i bambini


 Il 4 ottobre 1962, ad una settimana dall'inizio del Concilio Vaticano II, Giovanni XXIII si recò in pellegrinaggio a Loreto e Assisi e fu la prima volta, dall'unità d'Italia, che un papa varcò i confini del Lazio ripercorrendo i territori che anticamente erano appartenuti allo Stato pontificio.Il suo esempio venne poi seguito dai suoi successori, in particolare da Giovanni Paolo II.
Il 2 dicembre 1960 incontrò inVaticano Geoffrey Francis Fisher, arcivescovo di Canterbury e capo della Chiesa Anglicana. Fu la prima volta in oltre 400 anni.


con la Regina Elisabetta

Il più celebre dei discorsi di Papa Giovanni è quello chiamato "Il discorso della luna".
 In occasione dell'apertura del Concilio, l'11 ottobre 1962, in Piazza S. Pietro disse:
« Cari figlioli, sento le vostre voci. La mia è una voce sola, ma riassume la voce del mondo intero. Qui tutto il mondo è rappresentato. Si direbbe che persino la Luna si è affrettata stasera, osservatela in alto, a guardare a questo spettacolo. »
 « La mia persona conta niente, è un fratello che parla a voi, diventato padre per volontà di Nostro Signore, ma tutti insieme paternità e fraternità è grazia di Dio (..)
(...) Facciamo onore alle impressioni di questa sera, che siano sempre i nostri sentimenti, come ora li esprimiamo davanti al Cielo, e davanti alla Terra: Fede, Speranza, Carità, Amore di Dio, Amore dei Fratelli. E poi tutti insieme, aiutati così, nella santa pace del Signore, alle opere del Bene. »
 « Tornando a casa, troverete i bambini. Date una carezza ai vostri bambini e dite: questa è la carezza del Papa. Troverete qualche lacrima da asciugare, dite una parola buona: il Papa è con noi, specialmente nelle ore della tristezza e dell'amarezza. »

 Il mese successivo si manifestò la malattia, un tumore allo stomaco, che lo avrebbe portato alla morte. Nonostante il progredire della malattia ad aprile firmò l'enciclica Pacis on Terra e l'11 Maggio dall'allora Presidente della Repubblica Antonio Segni, ricevette il premio Balzan per il suo impegno per la Pace.
Si affacciò per l'ultima volta il 23 maggio  e al 31 iniziò la sua agonia.
Papa Giovanni morì il 3 giugno alle 19,49 e le sue ultime parole, raccolte da Monsignor Capovilla furono:

«Perché piangere? È un momento di gioia questo, un momento di gloria»


Il 3 settembre del 2000, Giovanni Paolo II lo dichiarò Beato  poichè è stata ritenuta miracolosa la guarigione di Suor Caterina Capitani, il 25 maggio 1966 affetta da una gastrite ulcerosa emorragica che l'aveva ridotta in fin di vita. La Suora dopo averlo tanto pregato, ebbe la sua visione e l'immediata guarigione.
Non potendo andare  a Roma, nel giorno della sua Beatificazione, sono andata a Sotto il Monte dove nei pressi della sua casa era stato allestito un maxi schermo e si è potuta seguire la solenne Cerimonia.



 
.Fonti ed immagini dal web

venerdì 23 novembre 2012

STACCO...

.. un poco dall'argomento Natale, dominante in questi post, per scrivere un aggiornamento su Sissi.
Io ho fatto sterilizzare anche Lilith, ma non ho avuto problemi. Quando l'ho presa aveva già il suo collare e la ferita coperta da un cerotto. Sissi no.
Mi era stato detto di metterle il collare il giorno dopo  la sterilizzazione purtroppo ho fatto un grosso sbaglio: vedendola calma non gliel'ho messo per evitarle questo fastidio perchè era già alla continua ricerca dei suoi cuccioli e piangeva.
Improvvisamente, dopo essere stata buona per tutto il giorno successivo, si è agitata e dal frenetico leccare e mordicchiare si è tolta due punti dalla ferita.
Subito l'ho portata dal veterinario di turno che le ha iniettato ancora antibiotico e mi ha dato da somministrarle il medicinale per farle tornare indietro il latte che si era riformato e subito messo il collare.
Lunedì ho telefonato nello studio della veterinaria che l'ha operata per riferire l'accaduto che mi ha rassicurata.
Oggi non so per quale motivo, perchè in fondo la micia stava bene, forse per senso di colpa o non so cosa ho preferito portarla direttamente. Alla veterinaria il mio messaggio non era stato riferito, e alla visita purtroppo ha riscontrata un possibile  sventramento. Gli si è lacerata la ferita all'interno.
Le ha fatto un'iniezione, tolto l'unico punto rimasto esternamente e il collare.  Devo portarla al controllo martedì. Se tutto è male devono rioperarla nuovamente prima che subentri qualcosa di più grave.
Dovrei scrivere come mi sento? Una stupida ecco cosa sono. Ho sbagliato.
Siamo nel periodo di Natale e sono convinta che anche gli animali hanno un Gesù Bambino che li protegge.
Ecco, io spero in lui... perchè Sissi bellissima non ha nessuna colpa se ha per padrona una deficente come me....

Canzoni Natalizie - TU SCENDI DALLE STELLE

La più bella tra le canzoni Natalizie e legata ai miei ricordi più belli è "Tu scendi dalle stelle".
E' la canzone che cantavano l'ultimo giorno di scuola, prima delle vacanze di Natale, con la nostra maestra vicino al nostro alberello.
Fu scritta, nel dicembre 1754,. da Sant'Alfonso Maria de'Liguori.
Il Santo nacque a Marinella, in provincia di Napoli, il 27 settembre 1696, primo di otto figli del nobile Luigi de'Liguori e di Anna Maria Caterina Cavalieri.
E' sicuramente il brano Natalizio più famoso del mondo e venne tradotto in tante lingue.
Noi ne cantiamo solo le prime due strofe ma il testo ne comprende 7.



TESTO ORIGINALE

1.Tu scendi dalle stelle, o Re del cielo,
e vieni in una grotta al freddo e al gelo
e vieni in una grotta al freddo e al gelo.
O Bambino mio divino, io ti vedo qui a tremar;
o Dio beato! Ah, quanto ti costò l'avermi amato ! (2 v.)

2. A te, che sei del mondo il Creatore,
mancano panni e fuoco, o mio Signore. (2 v.)
Caro eletto pargoletto, quanto questa povertà
più m'innamora, giacché ti fece amor povero ancora. (2 v.)

3. Tu lasci il bel gioir del divin seno,
per giunger a penar su questo fieno. (2 v.)
Dolce amore del mio core, dove amore ti trasportò ?
O Gesù mio, perché tanto patir? Per amor mio ! (2 v.)

4. Ma se fu tuo voler il tuo patire,
perché vuoi pianger poi, perché vagire? (2 v.)
Mio Gesù, t'intendo sì ! Ah, mio Signore !
Tu piangi non per duol, ma per amore. (2 v.)

5. Tu piangi per vederti da me ingrato
dopo sì grande amor, sì poco amato!
O diletto - del mio petto,
se già un tempo fu così, or te sol bramo
Caro non pianger più, ch'io t'amo e t'amo (2 v.)

6. Tu dormi, Ninno mio, ma intanto il core
non dorme, no ma veglia a tutte l'ore
Deh, mio bello e puro Agnello
a che pensi? dimmi tu. O amore immenso,
un dì morir per te, rispondi, io penso. (2 v.)

7. Dunque a morire per me, tu pensi, o Dio
ed altro, fuor di te, amar poss'io?
O Maria, speranza mia,
se poc'amo il tuo Gesù, non ti sdegnare
amalo tu per me, s'io non so amare! (2 v)
Fonti: Immagine e testo dal web
Un dolcissimo video da you tube http://www.youtube.com/watch?v=fd2SKxUs2gM anche se non segue il testo originale...
e la versione da noi più conosciuta http://www.youtube.com/watch?v=BObUGJivYXk

giovedì 22 novembre 2012

NON E' MAI TROPPO TARDI - Film di Natale

Tratto dal romanzo di Dickens "Canto di Natale" questo film ne porta fedelmente la trama cambiando solo i nomi dei protagonisti.


L'avaro Antonio Trabbi (nel libro Ebenezer Scrooge), è un usuraio, che sfrutta i suoi dipendenti ed ama soltanto il suo denaro. Non prova neppure affetto per l'unico nipote, figlio di una sorella, Daniele, che tenta inutilmente di includerlo nella famiglia. Alla vigilia di Natale Rossana, una sua ex fidanzata, gli porta  in pegno un gioiello in cambio di un aiuto. Trabbi rifiuta.
Durante la notte gli appare il fantasma del suo socio che gli annuncia che riceverà la vista di tre spiriti del Natale.
Quando appare il primo, lo spirito del passato, gli fa rivedere la sua fanciulezza, dove Antonio, in collegio vive in solitudine. Scacciato il primo spirito, gli appare, il secondo lo spirito del presente.Questo fantasma gli mostra i suoi conoscenti che anche se poveri trascorrono con gioia il Natale. Antonio scopre che il figlio di Orazio, un suo dipendente è gravemente ammalato: soltanto un intervento potrebbe salvarlo. Ascoltando il dialogo tra Orazio  e sua moglie con stupore sente che, nonostante il loro dolore e la loro vita povera,  a lui viene dedicato un pensiero affettuoso.
Il terzo spirito, quello del futuro,  gli mostra le conseguenze della sua avarizia e della sua cattiveria.
Senza il suo aiuto il piccolo figlio di Orazio morirà. Rossana e il marito ai quali ha rifiutato l'aiuto finiranno in miseria. Improvvisamente sente  delle risa di gioia alla notizia della morte di una persona ignota e quando Antonio chiede chi è quella persona lo spirito lo porta presso una lapide spoglia: la sua.
Vedendo ciò Antonio chiede perdono e si pente di tutto il male fatto.
Quando al risveglio si ritrova nel suo letto, felice si affaccia alla finestra e chiama un ragazzino al quale chiede di comprare un tacchino e di recapitarlo a casa di Orazio dando anche a lui qualche soldo.
Quindi vestito di tutto punto si riversa sulla strada, salutando con cordialità tutti quanti, lasciandoli stupiti.
Arrivato a casa del nipote, non osa entrare ma questi accortasi gli apre e Antonio con la sua famiglia e per la prima volta nella sua vita passa felicemente il giorno di Natale.
Antonio si prodiga ad aiutare il suo prossimo. Rossana e il marito, col suo aiuto,  conducono una vita serena; si prende cura del figlio di Orazio, che operato e si salva, concede ad Orazio le meritate vacanze sempre negate, aumenta  gli stipendi ai suoi dipendenti. Cambiato, non più solo e in pace con se stesso,  Antonio ha conquistato la stima e l'amore della sua famiglia e di tutti.


ASPETTANDO NATALE .... (anni '60-anni '70-anni 80)

Se paragono la mia attesa di Natale negli anni 60, 70 a quella dei giorni nostri mi rendo conto di quanto sia "retrocessa" questa festività.  A Natale si è sempre pensato ai doni da fare, ma intorno a ciò si sentiva l'atmosfera dell'evento che doveva venire. Premesso che, avendo avuto la nonna friulana, dicembre era per me, un vero e proprio mese "di pacchia".
S. Nicola
I regali arrivavano al 6 dicembre, S. Nicola, festività maggiormente diffusa in Alto Adige,  ma che viene celebrata anche in Friuli,  nella zona del Tarvisiano, Ugovizza, Malborghetto.; al 13 dicembre, S. Lucia , magari piccoli doni di poco valore, ma qualcosa si trovava sempre: a me S. Nicola e S. Lucia li lasciavano sul davanzale della finestra.!!!
Intanto ci si preparava al Natale: all'8 dicembre si preparava l'albero. In genere era un lavoro di mio padre e mio: ognuno di noi due aveva le sue mansioni: mio padre al mattino mi faceva trovare il vaso con la terra e l'albero (finto) gia interrato.Quando io mi alzavo aprivo tutti i rami dell'albero e mio padre metteva le illuminazioni. Poi toccava a me adornarlo con le palline e tutti gli addobbi. Lo terminava lui, mettendo la punta e i fili argentati intorno. Giusto giusto per non fare sentire mia mamma emarginata, le lasciavamo fare il presepe, e mettere gli addobbi sulla porta di casa!!!

S. Lucia
A scuola, i primi giorni di dicembre con la nostra maestra preparavamo l'albero, e iniziavamo il lavoretto di Natale. Poi c'era la classica letterina, che non ho mai capito perchè, si scriveva tempo prima  e si metteva sotto il piatto del papà a mezzogiorno del Natale (???).  Con la mia amica Lilly facevamo i disegni e usando la colla si attaccava la polverina argento e oro. Molte volte la finivamo, allora frantumavamo le palline più vecchie così ce l'avevamo anche in vari colori.
Ai tempi Natale era uguale a neve: quasi sempre nevicava in quei giorni. L'atmosfera era stupenda, nell'aria si sentiva "odore di Natale". Le strade e le vetrine dei negozi (che allora erano tanti) erano tutti illuminati, Per le strade c'erano gli zampognari che con la loro musica creavano un'atmosfera dolcissima.
Si scrivevano e ricevevano tante cartoline d'auguri dalle persone care e lontane.
Negli anni 70, anni della mia gioventù, dopo l'amara scoperta che non c'era nessun Bambino Gesù e nessun Babbo Natale che portava regali, l'attesa era sempre la stessa. Si sentiva ancora "aria di Natale". Io avevo iniziato a comprendere l'importanza religiosa di questa festa. Si attendeva il Prete per la Benedizione della casa: un appuntamento magico, dove chi poteva essere presente si riuniva in preghiera col Parroco e il chierichetto. Negli anni '80 ho iniziato a lavorare  a Milano, e se fino a quel momento i regali li avevo sempre presi, ho avuto la gioia di poterli andare a scegliere e contraccambiare, senza accantonare l'importanza di questa ricorrenza. Ora è tutto diverso. Per alcuni (voglio sperare non per la maggioranza delle persone) è rimasta solo la corsa al regalo. Noto che meno gente si reca alla S. Messa di mezzanotte e alla mattina tanti sono impegnati a preparare pranzi  sopraffini, che non ci pensano nemmeno. E' da tantissimo tempo che non sento la zampogna suonare. Nelle scuole poi iniziano le polemiche sul fare o non fare il presepe, per il rispetto a tutte le religioni, però mi chiedo chi rispetta la nostra...,  non si scrivono più le "inutili" e belle letterine, non si desidera nemmeno più nulla. Le famiglie sono sempre più distanti, però (orribile!!!!) se si va su skipe ci si può vedere!! Non ci si scrive più tanto si possono spedire le cartoline con internet. Anche la TV, che una volta proponeva tanti bei film, magari un pò strappalacrime, ma ricche di sentimenti e con lieti finali, ora propone programmi che magari non ci azzeccano nulla con le festività....
Era tutto più bello prima, quando c'era un poco di meno ma c'era la gioia, l'unità della famiglia e la solidarietà verso gli altri.


martedì 20 novembre 2012

CONTO ALLA ROVESCIA...

Ormai manca poco al Natale... quindi cambio di look...
Preferivo quello di prima, ma essendo molto chiaro non si vedeva la neve.. per me importantissima!!!!
Comunque, anche se non perfetto, non mi dispiace neanche questo...

sabato 17 novembre 2012

SISSI - Il distacco 3

Anche il secondo maschietto se n'è andato...
Oggi l'ho portato alla sua mamma umana: l'impressione che ho avuto che sarà un micio molto viziato!!!
Non ha ancora un nome. Quando Gaia deciderà me lo farà sapere. Spero di vederlo crescere così come Rispetto..

Io sono il terzo nato: i miei fratellini sono convinti di essere i più belli, ma 
la mia "sorella" umana, Clò, dice che io sono il più bello di tutti!
Il piccolo a 20 giorni.

Ciao piccolo batuffolo, la tua mamma Sissi, che ancora vi cerca tutti, la nonna, Antonella ed io, ti ricorderemo sempre. Anche tu fai il bravo e rimani sempre il coccolone che sei.

SISSI .. il distacco (2)

Ieri Sissi è stata sterilizzata.
Fortunatamente non era in attesa di nessun cucciolo (mi sarebbe spiaciuto averle procurane la perdita .
L'ho riportata a casa alla sera. Sta benino ma è ancora intontita dall'anestesia.
Forse ancora non si è resa conto che i suoi cuccioli non ci sono più.
Ieri Veronica è venuta a prendersi il suo, che si chiamerà Rispetto,  e le ho chiesto il favore di portarsi via   anche gli altri, che andrò oggi a riprendere.
Questo perchè non volevo che Sissi al rientro li avrebbe ritrovati per poi separarsi di nuovo.
Così i piccoli se ne sono andati. Domani porterò l'altro alla sua nuova mamma e la femminuccia tornerà a casa poichè chi la prende abita al piano di sopra quindi, finchè saremo vicine,  mamma e figlia si frequenteranno sempre.

     Io sono il fanalino di coda, anch'io un maschietto. Assomiglio 
tantissimo alla mia sorellina: peso 140 grammi. Sono bellissimo e dolcissimo.
Rispetto a 20 giorni...

 Ciao piccolo Rispetto, fai il bravo con la tua mamma umana, ti seguiremo per un poco nella tua vita, vedremo i tuoi progressi. Impara a mangiare, che sei un poco calato di peso, perchè tu e tua sorella siete stati due pigroni, che volevate solo il latte della vostra mamma...!!! Ti vorremmo sempre tanto e tanto bene. La tua mamma Sissi, la nonna, Antonella ed io.

giovedì 15 novembre 2012

SISSI - Il distacco

Quello che doveva avvenire... tra pochi giorni avverrà!!!
Purtroppo, dopo una probabile gravidanza (di cui non c'è certezza) con la veterinaria si è deciso di  sterilizzare Sissi domattina (sempre che riesca a metterla nel trasportino). Due dei tre piccoli sabato dovrebbero andarsene con le loro nuove mamme umane. Una resta.
Sissi è stata un'ottima mamma, ma non ha insegnato nulla ai suoi piccoli  (sono grandicelli ormai... ) perciò va a loro insegnato tutto.
Soltanto il maschietto beige si arrangia a mangiare qualcosa da solo per il resto...  ad ogni richiesta c'era la loro mamma. Da domani però dovranno starle lontano. Anche se la natura dei gatti è così per noi è una piccola tragedia ... Mia mamma piange da adesso.. Mi ha detto che mai come oggi Sissi abbraccia i suoi piccoli, sembra che senta già il distacco.
Sono certa però che Veronica e Gaia (le mamme umane dei cuccioli) ne avranno cura. Una sola cosa vorrei: che mi facciano vedere - almeno per i primi tempi -  come crescono. Sono i miei tesori pelosissimi e PREZIOSISSIMI, li ho visti nascere, sono micetti abituati ad essere coccolati, baciati e "pastrocciati".
Quando anche l'ultima piccola se ne andrà, ci resterà la dolcissima Sissi da coccolare.
Credo che queste siano le ultime foto che li ritraggono insieme.






CIME TEMPESTOSE

Questo romanzo fu in un primo tempo tempo non venne accolto bene dalla critica, poi divenne un classico della letteratura.
Unico romanzo scritto da Emily Bronte, venne pubblicato nel 1847 che lo firmò con lo pseudomino di Ellis Bell. "Cime tempestose" è il nome della casa situata in cima ad una collina dello Yorkshire di proprietà della famiglia Earnshaw. Il romanzo, tramite dei narratori, racconta la storia di Heathcliff e di Catherine e dei loro figli.
Il narratore, Mr Lockwood, da poco trasferitosi come inquilino a Thrushcross Grange, una proprietà appartenente a Heathcliff, vicina  a Wuthering Heights. Una bufera lo costringe a passarvi la notte. L'uomo rimane subito molto colpito dagli strani personaggi che abitano la casa. Durante la tormentata notte trascorsa a Wuthering Heights, a Mr. Lockwood succedono strane cose. Poco dopo, Lockwood si ammala e si fa raccontare da Ellen (Nelly) Dean, la governante di Thrushcross Grange, la storia del suo affittuario.
Mr. Earnshaw, il primo propritario di Wuthering Heights, al rientro da Liverpool, porta a casa un ragazzino orfano, Heathcliff, All'inizio i suoi figli, Hindley e Catherine, detestano il ragazzo, ma col tempo Heathcliff conquista l'amicizia della piccola.
Alla morte di Mr. Earnshaw,  Hindley si sposa e diventa  padrone di Wuthering Heights, obbligando Heathcliff a abbandonare gli studi e lavorare come garzone. Nonostante questo, Heathcliff e Catherine rimangono molto legati. A causa di un incidente nel parco di Thrushcross Grange, Catherine rimane alla Grange per cinque settimane, stringendo amicizia con Edgar Linton, primogenito della ricca famiglia Linton. Al suo ritorno a Wuthering Heights, la ragazza scopre che  Heathcliff ha modificato il suo carattere, diventando rozzo, mentre lei in quei mesi di lontananza è diventata raffinata. Un anno dopo muore la moglie di Hindley, pochi mesi dopo aver dato alla luce Hareton. Hindley inizia a bere. Circa due anni dopo, Catherine si fidanza con Edgar, pur confessando a Nelly  che ama disperatamente Heathcliff. Egli sente solo una parte della confessione di Catherine, nella quale ella pare disprezzarlo e quindi decide di partire per cercare fortuna. Dopo tre anni di fidanzamento Catherine e Edgar si sposano e  Heathcliff ritorna, dopo aver accumulato un'enorme ricchezza. Paga i debiti di gioco di Hindley, rilevando Wuthering Heights e si  sposa pur non essendone innamorato, Isabella Linton, la sorella di Edgar. La sua crudeltà verso Isabella e Hareton, il figlio di Hindley Earnshaw, non conosce limiti.
Catherine si ammala di dolore e muore durante il parto di una bambina, chiamata con il suo stesso nome, ma soprannominata Cathy per distinguerla dalla madre. Prima di morire però Catherine e Heathcliff riescono finalmente a dichiararsi il loro amore e  Heathclif, disperato,  invoca il suo fantasma, pregandolo di non dargli pace.  Isabella fugge subito dopo il funerale di Catherine, dando alla luce un bambino, Linton. Nello stesso periodo Hindley muore, e Heathcliff assume il controllo definitivo di Wuthering Heights. Alla morte di Isabella prende con sé Linton, suo figlio, nonostante la madre lo avesse affidato alle cure dello zio.
Quindici o sedici anni dopo Cathy visita casualmente Wuthering Heights, dove incontra Linton ed Hareton. Prova subito simpatia per il primo, nonostante sia malaticcio e viziato, mentre disprezza il secondo, abbrutito e ignorante. Heathcliff fa di tutto per favorire l'unione tra Linton e Cathy poiché alla morte di Edgar Linton, che sembra ormai prossima, Trushcross Grange passerebbe a Linton. Poco dopo il matrimonio tra i due Edgar Linton muore, seguito a poca distanza da Linton figlio di Heathcliff, il quale mostra di non provare alcun dolore per la perdita del figlio. Heathcliff diventa il padrone assoluto non solo di Wuthering Heights ma anche di Thrushcross Grange.
Qui termina il racconto di Nelly Dean. Mr Loockwood parte allora per Londra. Sette mesi dopo ritorna ma non trova Nelly a Thrushcross Grange, bensì a Wuthering Heights. Si fa raccontare quindi l'ultima parte della storia.
Hareton, innamorato di Cathy cerca di togliersi dalla sua condizione e di imparare a leggere: Cathy, tuttavia, si fa beffe di lui. Ma, lentamente, la loro avversione si indebolisce e presto tra i due nasce un sincero affetto. Heathcliff, che potrebbe benissimo stroncare la loro relazione, confessa a Nelly, che nel frattempo è arrivata a Wuthering Heights, di non aver più voglia e interesse a farlo. Egli appare infatti sempre più estraniato dal mondo circostante. A un certo punto sembra iniziare a vedere il fantasma di Catherine che si aggira per la casa e spera in una riconciliazione spirituale fra loro. Poco dopo viene trovato morto nel suo letto. Viene sepolto con la sua amata Catherine.
Cathy e Hareton decidono di sposarsi, mentre la narrazione si conclude con Lockwood che visita la tomba e nega che gli spiriti di Heathcliff e Catherine, finalmente liberi di amarsi, vaghino per la brughiera tenendosi per mano, come sostiene invece la superstizione locale.
Da questo romanzo sono stati tratti film e sceneggiati. Il più famoso è quello risalente al 1939,  interpretato da Laurence Olivier, Merle Oberon nelle parti di Heathcliff e Catherine, e David Niven che impersona  Edgar.





Nel 1992  ci fu un'altro adattamento cinematografico dove sono presenti entrambe le generazioni e Juliette Binoche interpreta sia Catherine che la figlia Cathy. Heathcliff e Edgar sono stati invece interpretati rispettivamente da Ralph Fiennes e Jeremy Northam.

Alla TV di stato venne trasmessa una miniserie in cui Alessandro Boni e Anita Caprioli sono Heathcliff e Catherine.
 

Kate Bush lanciò nel 1978 la canzone "Wuthering hights" di ottimo successo e ispirata al romanzo.



 Tratto da http://it.wikipedia.org/wiki/Cime_tempestose_%28romanzo%29
Alcune parti sono state copiate e incollate.
Immagini dal web.

lunedì 12 novembre 2012

MIANNA

Cara Mianna per il tuo compleanno,  ti auguro di trascorrere  una serena giornata con le persone che ami, e che  tutti i tuoi desideri si realizzino.


Ebbene sì, visto che non ci sono molte PPS da fare, mi sto "dando" alla grafica. Non è perfetto ma sono solo agli inizi!!!! Ancora tanti e tanti auguri.

domenica 11 novembre 2012

BENVENUTA SPECIALE....

Questa sera ho creato questa immagine solo per te... 

(Post 11-11-2012)

Questa foto a molti non dirà nulla ma a me e a Cinzia dice... eccome se dice!!!
Qui, Cinzia ed io, per quattro anni, abbiamo passato 8 ore al giorno insieme, lavorando ma anche divertendoci.
"Ti ricordi in stazione Centrale "la papera"? ... e quando guardavamo i piccioni sotto la neve?"  tanto per dirne qualcuna... Il nostro lavoro  era abbastanza pesante ma a contatto con la gente, di qualsiasi età, e a  qualcuno ci affezionavamo pure (ehm.. ehm...!!!), come ad esempio la coppia "Giulietta" e Romeo... te li ricordi?
Cinzia è stata una ex-collega di lavoro carinissima. Non ricordo che abbiamo mai avuto un litigio anche se caratterialmente diverse: Cinzia più solare e io più pessimista.  Per tanti anni anni non ci siamo viste: forse l'ultima quando era nato il suo bimbo, ormai giovanotto e la mia era piccola. Nel corso di questi anni, l'ho sempre ricordata e pensata, qualche volta ci siamo sentite al telefono. Poco tempo fa ho avuto la bellissima sorpresa della sua visita.
Ora abitiamo più vicine, e sicuramente non ci perderemo più di vista... Poco fa in un messaggio mi ha detto che lunedì entrerà nel blog. E voglio accoglierla con questo benvenuta speciale....
Un abbraccione. Clò

mercoledì 7 novembre 2012

VECCHIA POESIA

Dal filone "Le poesie di mia mamma"
Questa piccola poesia la si trova in internet ma, mia mamma me l'ha sempre raccontata diversamente anche se tutto sommato è identica a quella dal web.


LA GALLINA

Disse un giorno una gallina:
"Son graziosa, sono fina,
so cantare coccodè
la campagna non fa per me!
Me ne scappo e vò in città.
trallalero, trallalà...!"
Così fece una mattina
quella stupida gallina
E sapete come andò?
Passò un tram e la schiacciò.

martedì 6 novembre 2012

FRITZ BAUMGARTEN

Nato a Reidniz, il 18 agosto 1883, Karl Friedrick (Fritz) Baumgarten, fu un litografo, pittore e illustratori di libri per l'infanzia.
Ultimo di tre figli, seguì le orme del nonno paterno, Johann Friedrik August Baumgarten, anch'esso disegnatore e ritrattista.
Lavorò come litografo a Lipsia e frequentò le accademie di Dresda e di Monaco di Baviera.
Negli anni 1920-1960 pubblicò più di 500 libri per bambini, tra leggende, libri popolari e storie per adolescenti e fiabe dei fratelli Grimm,  la maggior parte prima della seconda guerra mondiale. Illustrò anche dei giochi da tavolo.
I suoi soggetti preferiti erano elfi e nani,
Si sposò con Elsa Hollburg ed ebbe due figli. Durante un bombardamento, nel 1944, alcune sue opere vennero distrutte.  Morì a Lipsia, il 3 novembre 1966.
Alcune cartoline:











Immagini tratte da alcuni libri.










La piccolissima biografia è stata tratta da http://translate.google.it/translate?hl=it&langpair=de|it&u=http://de.wikipedia.org/wiki/Fritz_Baumgarten_%28Illustrator%29
Le cartoline trovate nel web.