AVVISO AI NAVIGANTI...: SIAMO ALLA RICERCA DI NOTIZIE DI QUESTI ILLUSTRATORI DI LIBRI PER L'INFANZIA ANNI '50-'60 : MARIAPIA FRANZONI TOMBA; BRUNO TOMBA; ANNA FRANZONI; ITALO ORSI; ROSELLA BANZI MONTI. CHIUNQUE PUO' AIUTARCI NELLA RICERCA DI NOTIZIE(anche la più piccola) PUO' INSERIRE UN COMMENTO IN QUALSIASI POST.

martedì 26 febbraio 2013

PICCOLO MONDO ANTICO

Piccolo mondo antico è un'opera, considerata il capolavoro, di Antonio Fogazzaro.
Ambientata in Valdosta (Como) sulle sponde del lago di Lugano, racconta la storia d'amore tra il nobile Franco Maironi e la popolana Luisa Rigey contrastata dalla marchesa Orsola Maironi, nonna di Franco.
Alla notizia della decisione del nipote di convolare a nozze, la nonna minaccia di diseredalrlo. Franco orgoglioso, sognatore e idealista e di animo forte, reagisce al divieto della nonna e sposa Luisam con una cerimonia segreta alla quale partecipano poche persone fidate tra cui lo zio di Luisa Piero Ribera.
A conoscenza delle nozze Orsola Maironi disereda il nipote. Franco viene a conoscenza dal Professor Gilardoni  di un testamento nel quale il nonno l'aveva nominato unico erede. Per non incattivire di più la nonna chiede a Gilardoni di distruggere il documento e nasconde questo fatto alla moglie.
Si trasferiscono nella casa di vacanza dllo zio Piero che li aiuta e dove nasce la loro figlia Maria, soprannominata dallo zio "Ombretta". Franco viene arrestato, in quanto non simpatizzante con l'Austria ma subito rilasciato grazie all'intervento dell'austera nonna. Zio Piero però viene licenziato.  La crisi finanziaria, provoca anche degli screzi tra i due sposi: Luisa vorrebbe che il marito mettesse in pratica le sue idee liberali, mentre il desiderio di Franco è quello di stare accanto alla famiglia.  Il professor Gilardoni non mantiene la promessa fatta a Franco e svela a Luisa la storia del testamento. Luisa vorrebbe servirsi del testamento ma Franco per rispetto alla nonna è contrario. Per dare un poco di benessere alla sua famiglia Franco si trasferisce a Torino dove lavora in un giornale. Mentre Luisa si reca dalla Marchesa  per chiarire la storia del testamento, Maria, cade nel lago  e muore. Sentendosi in colpa per la morte della figlia, Luisa sembra impazzire: non riconosce il marito e crede di non amrlo più  e vivendo solo  nel ricordo della figlia.
La marchesa Orsola sogna la piccola Maria che la incolpa della sua morte cerca di avvicinarsi al nipote e di risarcirlo, Franco rifiuta perchè non crede al pentimento della nonna. Non riuscendo a capire l'atteggiamento della moglie parte di nuovo per Torino, anche perchè nel frattempo è braccato dagli austriaci in quando considerato un patriota pericoloso. Dopo diversi anni di lontananza i due si incontrano all'Isola Bella sul lago Maggiore dove Franco sta per partire per la guerra. Luisa, su consiglio dello zio accetta di incontrare il marito. Passeggiando con marito lungo il lago e ricordando i tempi del loro amore  Luisa comprende di essere ancora innamorata di lui e passano insieme la notte.  Al mattino Franco parte con suo reggimento mentre Luisa sente che una nuova vita nascerà dal loro incontro. Lo zio Pietro muore serenamente sapendo i nipoti riuniti e felici.


Da questo romanzo furono tratti un film (1941), uno sceneggiato televisivo (1957) e due remake mnessi in onda nel 1983 e  2001.


Nel film (1941) Alida Valli e Massimo Serato interpretano Luisa e Franco Maironi, mentre la nonna  e zio Pietro furono interpretati da Ada Dondini e Annibale Bretone. La piccola Mariù Pascoli (Maria Letizia Pascoli) fu la piccola Maria, mentre nello sceneggiato Tv del 1957  recitano la parte di Luisa, Franco e la nonna Carla del Poggio, Renato De Carmine e Paola Borboni.






Nel remake del 1983 Alida Valli recita il ruolo della Marchesa Maironi. Nel cast facevano parte gli attori: Laura Lattuada, Mario Cordova, Tino Carraro ed Elisabetta Rocchietta.






In quello più recente del 2001 Claudia Pandolfi è Luisa, Alessandro Gassman,  Franco e Virna Lisi la Marchesa Orsola Maironi.

2 commenti:

  1. Questo sito, mi piace tantissimo! Grazie.
    Stellina Ascioti

    RispondiElimina
  2. Questo sito è dolcissimo! Grazie.
    Stellina

    RispondiElimina